Cookie Policy AUTOMASSAGGIO - ESSENZEBENESSERE Cookie Policy
 

AUTOMASSAGGIO

 

L’automassaggio è una pratica importantissima per prenderti cura di te.
Nella tradizionale indiana, grande importanza ha la cura del corpo che deve vibrare in armonia con le forze della natura. L’automassaggio è una tecnica che permette di ripulire i nostri canali energetici .

 

Che cos’è l’Ayurveda

 

La scienza dell’Ayurveda trae le sue origini dai Veda, i più antichi libri a noi tramandati dalla millenaria tradizione indiana. Secondo gli storici odierni, i Veda risalgono almeno a cinquemila anni fa. Il termine ayurveda è composto da due concetti:

AYUR = vita
VEDA = conoscenza della vita

Ultimamente, si è verificato un interesse crescente per questo tipo di medicina tradizionale in tutto il mondo. Ovunque infatti, in particolare modo nei paesi occidentali industrializzati, la gente è terrorizzata dagli effetti collaterali e a lungo termine dei farmaci chimici ad alto potenziale , tanto da indirizzarsi sempre di più verso sistemi di medicina alternativa come l’ Ayurveda, la medicina Tibetana, la Naturopatia, Aromaterapia, lo Yoga, Terapia del Colore, Terapia della Musica e la Pranoterapia.

Le persone stanno diventando sempre più consapevoli dell’importanza della salute e preferiscono dirigersi verso sistemi curativi di tipo preventivo appartenenti all’antica medicina tradizionale.

 

Routine giornaliera

 

L’Ayurveda è quindi una filosofia per un corretto ed armonioso stile di vita dell’uomo come parte della natura e del cosmo, consapevole che il suo benessere  e la longevità è strettamente connessa ai ritmi dell’universo in cui vive.

Oltre l’aspetto prettamente medico di questa grande scienza è interessante considerarne l’aspetto preventivo che si attua anche attraverso particolari pratiche personali che l’Ayurveda definisce con il termine “Dinacharya” ovvero “Routine igienica quotidina”.

Prendersi cura di sé quindi anche attraverso pratiche quotidiane dedicate ai delicati organi di senso, le nostre porte di percezione e comunicazione con l’esterno, consente di mantenere un’ottimale stato di salute.

AUTOMASSAGGIO NELLA ROUTINE GIORNALIERA

 

Già nei più antichi testi dell’Ayurveda vengono menzionate le virtù benefiche del massaggio in quanto ottimo strumento per la depurazione non solo del delicato “organo pelle” ma per via riflessa anche degli organi interni. Il lustro della carnagione, la sua resistenza e freschezza, la compattezza dei tessuti, una buona circolazione, un corretto scambio cellulare ect.. sono tutte qualità derivanti da una regolare oleazione del corpo.
In Ayurveda l’automassaggio trova il suo ideale tempo di applicazione la mattina presto, per aiutare il corpo a risvegliarsi, depurarsi ed affrontare al meglio ed con piena energia la giornata.

Cosa occorre:

  •  un ambiente adeguato e con temperatura confortevole,
  • un olio ayurvedico adatto alla propria costituzione, in sostituzione va benissimo semplice olio di sesamo o di cocco. In Ayurveda vengono utilizzati tradizionali oli ayurvedici medicati e oli semplici con aggiunta di oli essenziali in base alle proprie esigenze.
  • uno sgabello o la possibilità di appoggiare un piede per il massaggio della gamba e  l’automassaggio al piede.

Manualità

La direzione indicata è dalla sommità del capo ai piedi. Sugli arti i passaggi sono lunghi con strofinamenti lineari, sulle articolazioni i movimenti sono rotondi in entrambe le direzioni e devono riscaldare per far sì che le proprietà dell’olio vengano assorbite, sull’addome disegnare cerchi in senso orario per favorire una buona peristalsi. Ogni passaggio va ripetuto più volte.

 

Automassaggio secondo i Dosha

 

Olio consigliato : sesamo per la tipologia Vata, Jojoba, cocco o girasole per Pitta e sesamo o semi di albicocca per Kapha, aggiungendo alcune gocce di oli essenziali, basilico, arancio, melissa, geranio rosa per Vata, sandalo, menta, rosa, lavanda per Pitta e cannella, ginepro, chiodi di garofano, maggiorana per Kapha. Leggi L’articolo : Oli essenziali per i dosha

Una volta terminato il massaggio, che in genere ha la durata di 15 – 30 minuti, l’ideale è lasciare l’olio ancora per 10 minuti su tutto il corpo prima di fare un buon bagno o una doccia. Questo lasso di tempo permette alla pelle di assorbire l’olio e di portare in superficie le impurità per facilitarne l’espulsione attraverso i pori. Oltre ad essere una tecnica eccezionale per mantenersi in buona salute, l’auto massaggio ayurvedico é soprattutto un atto d’amore verso se stessi.

Nella pratica ayurvedica è necessario poi rimuovere l’olio alla fine del massaggio, soprattutto perché la stimolazione avvenuta con tutti i passaggi e manualit, se da un lato ha permesso alle qualità dell’olio di penetrare, ha anche però fatto affiorare le tossine che devono essere necessariamente rimosse.

E’ indicata quindi una semplice doccia eseguita possibilmente con prodotti delicati e non aggressivi.

Clicca qui per vedere come preparare il tuo sapone : VIDEO tutorial

In Ayurveda vengono indicate particolari polveri detergenti per rimuovere l’olio dal corpo ed anche dai capelli. Sono prodotti assolutamente naturali a base di polveri di erbe e spezie che lasciano la pelle fresca, morbida e pulita. Normalmente dopo l’automassaggio e la doccia la pelle rimane morbida, ben idratata e non vi è la necessità di applicare altri prodotti.

L’automassaggio andrebbe eseguito ogni giorno!

OLI ESSENZIALI D’AGGIUNGERE ALL’OLIO VETTORE

 

Gli Oli Essenziali che si possono aggiungere ad un semplice olio di sesamo o cocco possono essere svariati a secondo del nostro obbiettivo, ad esempio se volessimo avere un effetto antiage va benissimo l’olio d’incenso, se vogliamo invece un effetto rilassante la lavanda . Ne caso dovessimo lavorare su contratture o dolori articolari la miscela Deep Blue. DoTerra ha poi creato nello specifico un kit Aromatouch con 8 oli essenziali .
Se invece voliamo eseguire un automassaggio per riequilibrare i chakra ed il nostro sistema sottile, ci sono oli Essenziali formati da miscele da poter aggiungere al nostro olio vettore:

1°chakra, muladhara “chakra della radice” BALANCE
2°chakra, svadhistana “chakra splenico” CITRUS BLISS
3°chakra: manipura “chakra del plesso solare” DIGESTZEN
4°chakra, anahata “chakra del cuore” BREATHE
5°chakra, vishuddha “chakra della gola” WHISPER
6°chakra, adjnia “chakra del terzo SERENITY
7°chakra, sahasrara “chakra della corona”occhio” ELEVATION

 

SCOPRI L’EBOOK PER IL RIEQUILIBRIO DEI CHAKRAS

ebook

Sonia Varoli

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: