#infermieriterapiaintensivaCOVID19

 

 

 

Faccio parte di Studio Infermieristico Associato di Area Critica, fondato nel 2004 dall’unione e collaborazione di liberi professionisti esperti di Terapia Intensiva.

 Abbiamo creato la nostra associazione, nel rispetto di valori Etici e Deontologici.

 

La nostra Mission è rivolta a garantire, specificità tecnico assistenziali nelle Terapie Intensive specialistiche e generali, con Infermieri ad Alta Specializzazione, sul territorio Italiano a tutela della persona assistita.

 

Ad oggi, per via della diffusione Pandemica del Covid-19, le Terapie Intensive Italiane, sono in gravi difficoltà logistiche, per la richiesta di posti letti ad alta intensità clinico assistenziale.

 

Noi Infermieri di Terapia Intensiva, siamo una categoria in ginocchio, impotenti di fronte ad una realtà che, per quanto preannunciata, è di difficile gestione.

 

Stiamo lavorando senza sosta, con scarsità di mezzi adeguati, per garantire un’ assistenza clinico assistenziale intensivista adeguata in condizioni di stress e con carichi di lavoro enormi.

 

Tutti noi Infermieri Italiani, stiamo dando il massimo, per garantire alle Terapie Intensive, tutto il supporto e la complessa assistenza specifica  che richiede l’utente affetto da coronavirus.

 

 Lavorare così, diviene sempre più insostenibile e quotidianamente aumenta la consapevolezza, che si  avvicina il momento in cui, non si potrà assistere tutti i casi Covid-19: Questo è eticamente  avvilente.

 

Lo sconforto di chi è in prima linea, si percepisce non dalle parole, ormai non ce ne sono più, ma  lo si legge nel volto e negli occhi di noi sanitari:  dalla collega con figli piccoli o appena laureata  dallo sguardo impaurito, al collega non italiano che non può neanche tornare dalla propria famiglia,  ma nonostante la situazione, si continua a lavorare con turni massacranti, rispetto alla popolazione normale, alla quale è stato, giustamente solo imposto: “di stare a casa .”

Eppure dietro ad ognuno di noi c’è una storia , una famiglia, una vita ed un’anima.

 

L’Italia è un gran paese, non ha mai mollato e non mollerà neanche questa volta.

 

Siamo tra i popoli con più ricchezza storico culturale, con più proprietari di casa, con più risparmiatori, nei secoli abbiamo conquistato nazioni. Allora mi chiedo: ” Nei nostri geni ci sarà rimasto qualcosa ! “

 

Ecco è arrivato il momento di tirar fuori quella parte di unicità insita nel nostro  DNA ed usarla.

 

 Per questo sono qui ad invitarti, prima che sia troppo tardi, ad aprire gli occhi e condividere una consapevolezza, che magari sai già . 

 I tagli alla sanità, la  diminuzione posti letto, gli stipendi miseri nell’ambito sanitario, ad ogni modo, prendiamoci la responsabilità che il momento richiede !

Questo è il momento di tirarsi su le maniche, uniamo la nostra forza e quella del mondo digitale.

 

 

Per questo abbiamo creato una raccolta fondi Crowdfunding, destinata all’emergenza Sanitaria Coronavirus; al fine di supportare noi infermieri di Terapia Intensiva, sul territorio Italiano.

In questo momento di criticità, credo che ognuno, nelle sue possibilità, possa sostenerci, per affrontare questa Pandemia, garantendoci di poter assistere in Terapia Intensiva, la popolazione colpita ed inerme.

 

In Questo momento abbiamo necessità di :

  • Attrezzature per terapia intensiva
  • Dispositivi di Protezione Individuale
  • Respiratori
  • Kit d’intubazione
  • Attrezzature per la ventilazione invasiva
  • Attrezzature per la ventilazione non invasiva
  • Ecografi
  • Apparecchiature per dialisi
  • Dispositivi e letti per la pronazione

 

 Siamo in un periodo storico Epocale, dove, attraverso  i mezzi digitali ci uniamo gli uni al sostegno degli altri !

 

Sosteneteci per aiutarvi.
UNISCITI AL CROWDFUNding

 

https://www.gofundme.com/f/infermieriterapiaintensivaCOVID19?utm_source=customer&utm_medium=copy_link-tip&utm_campaign=p_cp+share-sheet

 

#infermieriterapiaintensivaCOVID19

#gliunialsostegnodeglialtri

 

Si ringrazia l’Autrice #jeffkaale  Jeff Kaale per il supporto musicale del video.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *